I MITICI FUMETTI: IL CAMIONISTA in....IO L'HO SALVATA E LEI ME L'HA DATA


IN QUESTO EPISODIO: Il bel camionista, Mario Vergone, durante un suo trasporto di lavoro, soccorre e salva la vita ad Irene, una bella ragazza vittima di un brutto incidente stradale...
Purtroppo però dopo una buona azione, per Mario arrivano solo guai e noie a non finire. Noie che culminano addirittura nel suo licenziamento dall'amata ditta Trasportango! Nell'attesa di un nuovo lavoro, però arriva almeno la consolazione dalla bellissima Irene, che ringrazia "in natura" il suo eroico salvatore...

PS: Mario Vergone, IL CAMIONISTA perde veramente il suo "storico" lavoro?! Con questo episodio gentilmente scansionato e offerto da DONATO CAZZESE (che ringrazio con affetto) festeggiamo nel blog la festa del Primo Maggio. Chi meglio del nostro instancabile lavoratore Vergone può rappresentare al meglio i lavoratori? Quindi godiamoci con lui questo, al solito divertente e piccante episodio, ricco di belle scene erotiche e in perfetto tema con la festa di oggi....
BUONA FESTA DEL LAVORO A TUTTI !!


























































Commenti

  1. ha ha ha! Grandissimo Vergone!
    Buon Primo Maggio a tutti voi.... lavoratori (anche a me che adesso non faccio un cazzo.... tutto il giorno! he he he!)

    RispondiElimina
  2. Com'è diventato scuro il tuo avatar, Rob! :-DD
    Buona festa a tutti con il Vergone, sempre un grande fumetto.

    RispondiElimina
  3. Perché adesso il buon Rob indossa gli occhiali da sole..
    E si è pure tagliato i baffi...ha ha!
    Buon primo maggio... anche se io lo sto passando in viaggio per lavoro...

    RispondiElimina
  4. Beh, il Toni è scemo, ma quella cosa delle bolle l'ha capita. Fossi stato nel Mario, due colpi alla portiera della pensione li avrei dati comunque, mi piacciono le donne ben messe.

    RispondiElimina
  5. L'industriale Lazzarotti ricorda la marca dei biscotti Lazzaroni.
    "Solo una coincidenza?
    Io non credo!"
    (Cit)

    RispondiElimina
  6. avreste il personaggio : Gegè Bellavita portinaio?

    Napoli. Gennarino Amato, marito della bella Agata (dalla quale ha avuto ben 9 figli) è sfaticato cronico e con ogni scusa evita di farsi assumere nei vari posti dove la moglie cerca a fatica di farlo inserire. Gennaro però ha doti maschili fornitegli generosamente da madre natura e grazie alle quali è molto ben voluto dalle donne del palazzo che con ogni scusa lo attirano nei propri appartamenti per sedurlo.

    Agata, scopre la situazione e, visto che questa è l'unica attività che pare piaccia fare al marito, rassegnata organizza lei stessa incontri a pagamento ad insaputa di Gennaro.

    Con i proventi prodotti dall'ignaro marito, l'appartamento di Gennaro e Agata migliora visibilmente e, insospettitosi, Gennaro trova il libro dove Agata annota gli appuntamenti.

    Gennaro offeso fugge dal duca Attanasi (che lo desidera più delle sue coinquiline) ma la relazione che è innaturale per Gennaro lo riporta presto tra le braccia di Agata.

    non riesco a trovare questo mitico personaggio tipo pierino era in voga negli anni 70

    RispondiElimina

Posta un commento

Commenta

TOP 5: I PIU' LETTI DELLA SETTIMANA