I MITICI FUMETTI: DOTTOR BARNARD in...UCCIDETE QUELL'UOMO


IN QUESTO EPISODIO: Neppure per capodanno l'affascinante Dottor Barnard può riposarsi, la sua professione infatti lo costringe a lavorare per salvare la vita a una vittima di una sparatoria. Ad operazione conclusa Barnard scopre che il suo paziente è Joe Malone, un boss della mafia newyorkese...Da quel momento il dottore entra nel mirino della malavita e sopratutto dei pericolosi nemici del boss...

PS: Ringrazio il nostro amico e lettore GIUSEPPE PIPPO PIZZO per questa rara scansione che riporta sul blog una serie anch'essa rara da recuperare, ovvero DOTTOR BARNARD che tempo fa avevamo ospitato (CLICCATE QUI PER LEGGERE LA PRESENTAZIONE ALLA SERIE) . 
Come noterete essendo un fumetto veramente "molto vintage" datato 1975 le scene erotiche sono alquanto brevi e piuttosto accennate, mentre molto più spazio viene dedicato alla storia e intreccio, che sconfina più nel thriller-noir piuttosto che nelle faccende ospedaliere, questioni che rimangono un semplice contorno e ambientazione (un po' come nella serie DOTTORESSA anche se in quest'ultima la protagonista si da molto più da fare eroticamente del suo collega essendo di una generazione anni '80 più sfacciata). Affascinanti i disegni di TACCONI e come mi diceva Giuseppe questo episodio (il numero 6) è un raro caso di "continuità" narrativa della serie che solitamente preferiva proporre episodi auto-conclusivi. Il continuo della pericolosa avventura del Dott. Banard contro la mafia italo-americana lo leggerete infatti il prossimo mese in quanto Giuseppe è riuscito a scovare anche il numero 7! 




























































Commenti

  1. Tippy, solo una puntualizzazione: nel numero successivo, come vedrai, il buon dottore non ha più nulla a che fare con Joe Malone e i suoi rivali. Il numero 7 infatti non continua la storia qui presentata ( mi devo essere spiegato male io) ,ma ricorda cos'è successo con un dialogo tra l'ispettore e il dottore e con una nota che riporta a questo episodio. Cosa infatti rara in serie come questa che vivono di episodi autoconclusivi :)

    RispondiElimina
  2. sergio l. duma4 gennaio 2018 14:01

    Non conoscevo questa serie, sinceramente, e mi ha colpito il fatto che il protagonista non sia un cattivo o un personaggio di solito moralmente discutibile (caratteristica essenziale di questo genere di fumetti). La storia ha un buon ritmo ed è ben articolata e ho trovato ottimi i disegni.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Allora Sergio apprezzerai moltissimo l'episodio successivo,sia per la storia che per i disegni di Tacconi. A proposito : qualcuno più esperto di me sa chi sia l'autore dei testi di questa serie?

      Elimina
    2. Il Mencaroni segnala come autore dei testi Renzo Barbieri.

      Elimina
  3. Serie scritta e disegnata davvero bene!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Credo che il numero successivo ti piacerà ancora di più: personalmente lo trovo il più bello dell'intera (breve) serie :)

      Elimina
  4. The real Barnard was incredibly womanizer, according to biographers and friends.

    RispondiElimina

Posta un commento

Commenta

TOP 5: I PIU' LETTI DELLA SETTIMANA